Prontodentista.itProntodentista.it

Ricerca

Esperto risponde su...Gengive


Pagina 1 2 3 4 »

martedì 2 5 novembre 2014

soffro di gengive sanguinanti e di tartaro che si accumula dopo i più svariati spazzolini anche quelli elettrici forse ho trovato come spazzolino il parodontax che mi sta dando meno perdite di sangue : però ho anche l'accumulo di tartaro e andare spesso dal dentista è un costo: quale dentifricio mi consiglia sia per il tartaro che associ anche azione sbiancante?

In base a quanto da lei riferito, le consigliamo di farsi ricontrollare poiché occorre verificare quali sono le procedure di igiene orale domicilare da lei seguite: la manualità ed il metodo dello spazzolamento, il tipo di spazzolino utilizzato (se adeguato alla sua situazione clinica), i prodotti utilizzati (dentifricio, colluttori), ed infine il livello di igiene orale professionale che è stato svolto, in quanto se ad esempio residuano anche piccole quantità di placca o tartaro sottogengivale si ricreerà molto velocemente una condizione di infiammazione che non sarà possibile per il paziente gestire e risolvere solo con l'igiene orale domiciliare.

martedì 2 5 novembre 2014

Ho una bolla sulla gengive inferiore, a causa di un movimento sbagliato con lo spazzolino mentre lavavo i denti.. Mi ha fatto male, tutt ora mi da fastidio come fare per togliere il dolore?

Potrebbe essere una ulcerazione causata dal trauma durante lo spazzolamento e che adesso si è infettata, provocando dolore. Se non vede una remissione spontanea in 24/48 ore, tenendo ben pulita la bocca con uno spazzolamento meno aggressivo, le consiglio una visita dal dentista per una diagnosi piu precisa.

martedì 2 5 novembre 2014

il mio dentista ed ortodonzista, ha consigliato a mio figlio 12enne un riporto della gengiva su un incisivo inferiore in quanto ha il colletto un po' scoperto. Fra qualche mese è prevista l'applicazione di un apparecchio fisso per allargare il palato superiore e creare lo spazio che manca. Ho sentito altri medici e me lo sconsigliano, visto anche il post operatorio. vorrei chiedere una vostra opinione.

E' difficile valutare la situazione senza vederla; la gengiva mancante potrebbe essere una retrazione su un dente malposizionato ovvero in casi di trauma occlusale nei denti in inversione. L'espansione del palato potrebbe servire a risolvere questo problema occlusale, ma in ogni caso va eseguita dopo aver fatto una corretta e completa diagnosi della bocca e dei denti, non trascurando anche di valutare la funzionalità respiratoria. A questo punto si può decidere con quale tipo di apparecchiatura intervenire: infatti l'espansione del palato si può fare con app. fisse o mobili a seconda della problematica da correggere ed in ogni caso sarà sicuramente necessario continuare con terapia ortodontica convenzionale.

martedì 2 5 novembre 2014

ho un serio problema ai denti in quanto ho una gengivite che deve esser curata, ma ho paura a farlo in quanto ho i denti molto fragili, a tal punto che un dentista tempo fa mi ha detto che qualsiasi intervento su rischia di danneggiarli. Difatti andando alla visita dove mi hanno diagnosticato la gengivite, e detto che bisogna assolutamente curarla,dopo due giorni a causa dei solleciti ricevuti ai denti si è staccato un piccolo frammento dal canino inferiore.Sono disperato.Cosa potete consigliarmi?

La gengivite è causata quasi sempre da un accumulo di placca batterica e se non curata, si può trasformare in parodontite. La stessa placca è responsabile dei processi cariosi sui denti , che prima indeboliscono e poi distruggono la struttura mineralizzata dei denti. Le consiglio di seguire i consigli del dentista, facendo delle sedute di igiene professionale, seguite da una buona igiene domiciliare, oltrechè curare i denti eventualmente cariati, prima che sia troppo tardi. I denti sani sono molto robusti e non si rompono con un semplice contatto di qualche strumento. Quindi non abbia timore e si rivolga ad un dentista di sua fiducia.

martedì 2 8 ottobre 2014

un mese fa sono stata dal dentista che mi ha estratto un dente. A distanza di giorni,toccando la gengiva in cui era presente il dente estratto con la lingua,percepisco qualcosa di appuntito che se lo tocco con il dito mi porta un fastidio. Penso si tratti di un pezzettino di dente! Come mi devo comportare? Che cosa può essere?

o si tratta di un residuo di dente o di un pezzettino di osso. in ogni caso deve recarsi dal dentista che ha eseguito l'estrazione per farselo rimuovere

Pagina 1 2 3 4 »

Indietro Fai la tua domanda