Prontodentista.itProntodentista.it

Ricerca

Homepage


Pagina 1 2 3 4 »

martedì 1 9 aprile 2016

Avrei bisogno di mettere dei denti e mi hanno parlato di quelli in silicone. Purtroppo io non ho l'ossatura per un apparecchio fisso e non supporterei un apparecchio movibile. Cosa mi consigliate?

Gentile sig.re/ra mi dice di non poter fare una protesi fissa perchè le manca l'osso e che non sopporterebbe un apparecchio rimovibile. Non vi sono altre soluzioni. Una delle due necessariamente. Una protesi fissa può essere fatta su impianti (viti nell'osso) e questa soluzione non è praticabile perchè lei stessa mi dice di non avere sufficiente supporto osseo. Una protesi fissa può essere fatta anche appoggiandosi ai denti naturali accanto a quelli da sostituire; ed è sicuramente la soluzione da preferire nel caso non tolleri l'idea di una protesi rimovibile. In alternativa a queste illustrate vi sono solo soluzioni di protesi mobile (rimovibile). Queste possono essere realizzate con apparecchi in metallo e resina, o in resina e basta, oppure alcuni nuovi modelli in materiali tipo nylon (e non in silicone di cui non conosco l'esistenza). Questi ultimi in nylon sono la novità degli ultimi anni, hanno molti pregi di natura estetica con lo svantaggio però che tendono a scolorirsi più facilmente. Se ha dunque una grande richiesta estetica le consiglio questi ultimi suggerendole di pulirli attentamente seguendo le istruzioni del costruttore

martedì 2 3 febbraio 2016

Quale potrebbe essere la causa della rottura del perno moncone in fibra di vetro con capsula in cerek?

Il perno in fibra di vetro si usa per dare sostegno ad una ricostruzione quando le parete residue del dente sono esigue. Il dente così ricostruito viene limato creando quello che chiamiamo moncone. Il moncone ha una forma idonea ad essere "vestito" con una capsula. A prescindere da quale sia il materiale della capsula, questa dovrebbe abbracciare il moncone e comprendere anche una parte residua delle pareti originali del dente, altrimenti uno sforzo eccessivo viene scaricato sul solo perno in fibra al centro della ricostruzione. Questa potrebbe essere una causa.

martedì 1 6 febbraio 2016

Il mio dentista mi ha inserito una protesi a ponte sugli incisivi inferiori a causa della mancanza di uno dei due, poichè era troppo piccolo per poter essere sostituito con un impianto. Ora mi trovo con delle capsule e i denti sotto limati, la gengiva e' scesa e quindi la capsula non poggia su di essa, ma c'è un piccolo spazio vuoto che non è visibile. Sono andata a farmi visitare ed è stato coperto con del cemento sia avanti che dietro, ma è saltato dopo due ore. Chiedo se conviene fare una qualche operazione o se semplicemente è stato un errore di fabbricazione della protesi che andava fatta semplicemente più lunga.

Probabilmente la protesi è stata fatta solo troppo presto. Infatti dopo una estrazione si ha una prima guarigione dei tessuti nel giro di poche settimane, ma questo processo continua ancora per sei mesi. E' verosimile pensare che l'osso in corrispondenza della lacuna si sia rimodellato in questo lasso di tempo, venendosi a trovare più in basso e la gengiva anche.

martedì 1 6 febbraio 2016

Ho 62 anni e ho fatto 4 impianti all'arcata superiore , 2 a destra e due a sinistra, con relativi ponti ed e' andato tutto bene (tecnica transmucosa). In agosto ho fatto due impianti all'arcata inferiore lato destro. Il 15 gennaio 2016 mi hanno messo i perni e relativo ponte di 3 denti e da allora ha cominciato a fare male la gengiva. La settimana scorsa hanno tolto il ponte lasciando i perni, oggi hanno tolto i perni e rimesso la vite di guarigione, perchè la gengiva continua a fare male. Dopo una radiografia risulta tutto perfetto. Se un perno, però, fa male alla gengiva quale può essere la causa?

La radiografia da sola non basta a dire che va tutto bene. Bisogna essere sicuri che l'osso circondi a 360 gradi l'impianto. Se per qualche motivo così non fosse, l' impianto potrebbe soffrire di perimplantite. Una infezione non diversa quella che si ha intorno ad un dente parodontopatico.

martedì 1 6 febbraio 2016

Ho un molare messo da poco tramite impianto. Ho seguito tramite il dentista tutta la procedura. Perno fissato poi ho atteso mesi e poi finalmente il dente. Da una settimana circa ho notato, lavando i denti, che sotto a questo molare si è formata una macchia. Non sento dolore. Sono andata dal dentista e mi ha detto pensa sia ossidazione, ma che non pregiudica la stabilità del molare impiantato ne tanto meno la mia salute. E' possibile?

Alcuni metalli usati per fare le corone protesiche hanno dato problemi come quelli che descrive. Si parla di tatuaggio. L'impianto e quella parte metallica che viene fuori chiamata moncone in genere sono in titanio, ed il titanio non da questi problemi. La corona protesica invece è fatta con ceramica nella parte estetica e sotto con un leggero strato di metallo. Questo può essere di una moltitudine di leghe diverse, il suo dentista dovrebbe sapere quale. Alcuni di queste leghe rilasciavano ioni che venivano fagocitati dalle cellule della gengiva circostante che rimaneva tatuata.

Pagina 1 2 3 4 »

Indietro Fai la tua domanda