Prontodentista.itProntodentista.it

Ricerca

Homepage


Pagina 1 2 3 4 »

martedì 0 5 luglio 2016

Ho il dente molare superiore bucato e mi fa costantemente male. Ho provato a prendere degli antidolorifici, ma ultimamente non fanno più tanto effetto e il dolore si fa sempre più forte. Stamattina ho iniziato la cura con antibiotico. Volevo sapere cosa posso fare per alleviare il dolore perché é insopportabile.

Senza una visita è difficile darle indicazioni o suggerirle farmaci che necessitano di prescrizione medica. Puo pero provare degli sciacqui con acqua calda e sale e/o con colluttori disinfettanti

martedì 1 4 giugno 2016

Salve, soffro di sensibilità dentinale, tutto è cominciato da un periodo piuttosto lungo di sanguinamento gengivale. Guardandomi allo specchio mi sono accorto che la gengiva si era ritratta. Lo specialista mi disse che era dovuto ad uno spazzolamento errato. Ho corretto il modo di lavare i denti da un pò di anni, ma pochi giorni fa mi sono accorto che la gengiva si è ritratta ancora un'altro pò. Volevo sapere cosa si possa fare per bloccare il sanguinamento gengivale quando si presenta. Se esiste qualcosa per far rigenerare la gengiva che si è ritratta. Il dentista dice anche che quando lavo i denti deve rimanere quel filo di patina che rende i denti ruvidi al passaggio con la lingua. Eliminando quello strato si danneggiano i denti. Volevo sapere se questa cosa è vera o meno. Grazie.

Buongiorno I denti devono essere assolutamente puliti e nessun "filo di patina" deve rimanere su di essi. Il sanguinamento è dovuto sempre alla permanenza di residui che infiammano la gengiva. Siano essi superficiali, e quindi relativamente facili da rimuovere, o profondi negli stadi più avanzati di patologia gengivale. Comunque dal momento in cui lei non è più in grado tenere sotto controllo l'infiammazione che le causa sanguinamento vuol dire che deve ricorrere ad igiene professionale, perchè verosimilmente si sono formati residui duri (tartaro) che non è possibile rimuovere da soli a casa. La retrazione della gengiva può essere curata con interventi di chirurgia parodontali, questi però risultano efficaci solo nelle mani di un professionista esperto e comunque richiedono sempre una ottima educazione alla igiene orale ed una capacità del paziente di mantenere condizioni ottimali di igiene.

martedì 2 4 maggio 2016

Buongiorno, la prossima settimana dovrò andare dal mio dentista per curare 2 carie vicine. Nel frattempo in questi giorni hanno cominciato a farmi molto male, cosa posso fare per arginare la cosa fino all'appuntamento? Vorrei se possibile evitare di prendere antidolorifici ogni giorno. Grazie.

Comprendo il desiderio di non prendere farmaci, ma ho paura che se le fanno molto male non ne potrà fare a meno. Può comunque sicuramente provare a fare sciacqui con un colluttorio disinfettante a base di clorexidina 0,2% per 30 secondi circa, tenere ben pulita la parte interessata, e probabilmente non le nuocerebbe usare acqua calda e sale, sempre per sciacqui orali

martedì 0 3 maggio 2016

Buongiorno, e' normale avere dolore a distanza di 2 mesi dalla limatura dei denti che dovranno fare da pilastro ad un ponte?

Quando i denti vengono limati diventano più sensibili perchè togliendo lo strato esterno il nervo al centro del dente avverte di più tutti gli stimoli. Questa sensibilità però non si dovrebbe avvertire perchè alla fine del procedimento di limatura in genere il dentista "veste" nuovamente il dente con il provvisorio. Questo ricopre nuovamente con spessori adeguati il dente non lasciandogli alcuna ipersensibilità. Solo se durante le fasi di lavoro in studio i provvisori vengono rimossi senza fare anestesia allora si può avvertire fastidio. Se i denti rimangono sensibili, e soprattutto se questa sensibilità rimane a lungo dopo il trattamento, è possibile che il nervo abbia subito un trauma irreversibile (ad esmpio per surriscaldamento durante la preparazione) e che vada devitalizzato

martedì 0 3 maggio 2016

Buongiorno, il dentista ha limato gli unici 6 denti rimasti sani dal numero 43 al numero 33 per poter ricoprire tutto da un unico ponte in ceramica e metallo , andando a sostituire i 2 che ho gia' dal dente 46 al 45, e quello dal 34 al 36, posti su impianti , i denti sono stati limati piu' di un mese fa, ho fitte e sensibilta' che non mi permettono nemmeno di parlare per lungo tempo,senza prendere antidolorifici, tornata dal dentista, ha sostituito il ponte provvisorio sui denti limati ma la situazione non e' migliorata anzi ho per dipiu' anche dolore come se fossero molto stretti, non so' cosa devo fare, mi dispiacerebbe dover devitalizzare tutti e 6 i denti, anche perche' nell'arcata superiore ho dovuto estrarre 5 dei denti che 20 anni fa erano stati devidalizzati, limati e ricoperti con ponte fisso.

Gentile sig.ra/re Comprendo la sua ritrosia a devitalizzare i denti che le sono stati limati per fare questo nuovo ponte, ma ho paura che non le resti che questa soluzione se ha fastidio quanto dice. Limare un dente per fare protesi significa di per se renderlo più sensibile perchè spogliato di tutto uno strato esterno. E questo è ancora più vero sui denti anteriori che sono più piccoli. In alcuni casi il ponte che poi li veste è in grado di annullare la sensibilità; ma questo non avviene sempre. Infatti diversi colleghi preferiscono devitalizzare addirittura in anticipo i denti su cui poi verrà realizzato un ponte. Per non arrecare fastidi come quelli che lamenta lei e per non incontrarne neanche eventualmente dopo che viene incollato il ponte definitivo. Non è pertanto sbagliato devitalizzarli se sono così sensibili, e se le devitalizzazioni vengono eseguite correttamente non comprometteranno la durata dei denti.

Pagina 1 2 3 4 »

Indietro Fai la tua domanda